Artemisia Padova

Eventi

RESILIENZA - 17 Artiste per le donne vittime di violenza

17 Artiste per le donne vittime di violenza

 

Sala e Loggia della Gran Guardia - Padova

 7 - 31 marzo 2019

Evento promosso dal Comune di Padova

 

Progetto a cura di Associazione Artemisia e Circolo Allende di Padova

“Resilienza” è un evento che unisce arti figurative, musicali  e dibattito: un'esposizione di dipinti e sculture aventi ad oggetto la violenza, ma sotto il profilo positivo e propositivo del superamento del trauma subito dalla vittima, un dibattito sul tema della rappresentazione della violenza sul corpo delle donne nei media e nell'arte e una performance musica e voce, dedicata a varie personalità femminili.

Inaugurazione : giovedì 7 marzo h 18:00 Sala Della Gran Guardia

Dibattito : venerdì 15 marzo h 17:00 Sala della Gran Guardia

Finissage: domenica 31 marzo h 18:00 Loggia Della Gran Guardia

 

Un grazie particolare ai nostri sponsor:

- Dott. Giovanni Scarato, consulente Fideuram - Padova

- Baràca Ristorante Cocktail Bar - Padova 

- Ristorante Il Carro Padova - Padova

Ai nostri Partner 

- Fusmart 

- Bettin Pianoforti

 

 

 Esposizione "RESILIENZA"

a cura di Chiara Coltro

testo critico Silvia Gullì

artiste presenti in mostra:

Bianca Beghin - Sandra Bertocco – Elena Candeo - Chiara Coltro – Nicoletta Furlan - Elena Greggio – Olga Gutu – Barbara Menoncello - Vanilla Ragana - Laura Sarra - Laura Spedicato – Claudia Vanni – Luisa Bertocco – Maurizia Manfredi - Paola Zago 

 

"FEYA"

Performance a cura di Aisha Ruggieri e Giovanna Soloni ( Asmoga)

Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, Milla Baldo Ceolin, Ada Lovelace, Billie Holiday, Peggy Guggenheim, Martha Graham, Amelia Earhart, Artemisia Gentileschi, Shirin Ebadi, Marie Curie, Margherita Hack, Monica Vitti, Calamity Jane, Coco Chanel, Maria Montessori, Simon De Beauvoir, Rachel Carson sono le 17 donne della storia a cui hanno deciso di ispirarsi le compositrici Aisha Ruggieri e Giovanna Soloni per questa performance di musica contemporanea di composizioni originali, durante le quali verrà interpretata in una lettura musicale e poetica il profondo marchio che queste protagoniste della storia hanno impresso nel suo sviluppo in ogni campo disciplinare.

Verranno composti ed eseguiti diciassette frammenti, quante sono le artiste di questo progetto, in un percorso suggestivo e anticonvenzionale, proprio come lo sono state loro, coraggiose, caparbie, idealiste e appassionate; un pianoforte ed una voce, saranno gli strumenti di base utilizzati in tutte le possibilità che possiedono, dalle corde del pianoforte ad effetti elettronici applicati alla voce, all’uso puramente acustico, in una crescente architettura sonora che conduca dall’intreccio sonoro dell’idea compositiva originaria ad un’impalcatura di sovrapposizioni melodiche, ritmiche, timbriche e armoniche.

Nella difficoltà di scegliere le figure storiche a cui ispirarsi, fra le molte esistite che hanno arricchito la storia dell’umanità, la scelta è stata veicolata dal desiderio di abbracciare le innovazioni in differenti discipline e aree sociali, grazie a forti e differenti personalità e paesi di appartenenza, a partire dalla nostra stessa Padova.

Interpretare musicalmente un atto storico significa riviverlo e farlo rivivere, comporre qualcosa su di esso significa entrare nella storia, tenerla viva, farne tesoro, diventarne parte consapevole. Esaltare le gesta di chi ha permesso una solida evoluzione nella categoria umana si trasforma così non solo nel dare valore alla sua esistenza, ma divenirne anello inscindibile di trasmissione etica e culturale.

 

"Violenza sulle donne nei media e nell'arte"

Dibattito a cura di Cristina Tropepi

Relatori:

 - Marco Monzani, Direttore del Centro Universitario di Studi e Ricerche in Scienze Criminologiche e Vittimologia, Università IUSVE di Venezia

- Giulia Siviero, giornalista e blogger esperta di questioni di genere

- Luisa Fantinel, storica dell'arte, arte terapeuta, apiart, si occupa di iconografia del femminile

- Antonio Di Donfrancesco, psicologo e psicoterapeuta, responsabile del SUM, Servizio Uomini Maltrattanti di Padova

Insieme ai nostri ospiti cercheremo di dare una risposta agli attuali e scottanti interrogativi: come sono rappresentati gli uomini e le donne nei mezzi di comunicazione? e nell’arte?

come il processo mediatico, che coinvolge presunte vittime e presunti autori di violenza, ha cambiato il nostro modo di vedere il rapporto fra i sessi?

movimenti come #MeToo e #Time’s Up stanno cambiando la sensibilità dell'opinione pubblica sul tema?

siamo in tempi di caccia alle streghe e politically correct oppure i nuovi mezzi di comunicazione hanno sdoganato qualsiasi forma di violenza verbale?